COVID-19: PIN non si ferma. Scopri come la Comunità e lo staff stanno reagendo all'emergenza.

Blog

Stai visualizzando: tutti i post sull'argomento "Fleet Save"

Balconi per la poesia: il flash mob di Fleet Save

03 aprile 2020 ore 12:03

Nei giorni scorsi, un susseguirsi di flash mob sui balconi di tutt’Italia ha movimentato questo periodo di isolamento. Ne abbiamo visti e ascoltate di ogni: dall’inno nazionale alle manifestazioni vicinanza più disparate, anche se tutti lontani.

Ed ecco che Fleet Save, la giovane realtà barese che racconta la storia del territorio attraverso la creazione di veri e propri giochi di ruolo in ARG, ha inventato il primo flash mob virtuale dedicato alla poesia in occasione del #Dantedì.

Chi si affaccerà oggi? è la domanda che ogni mattina viene rivolta attraverso le Instagram Stories ai followers dell’azienda: ogni giorno un omaggio, un poeta, una frase. Ogni giorno l’iniziativa diventa sempre più coinvolgente: anche voi, infatti, potete segnalare il poeta che si affaccerà dal balcone nei prossimi giorni.

Un modo originale per “ritrovare le origini del nostro pensiero e la radice culturale della nostra eredità da cantastorie”. E sognare un po’!

Flash mob sui balconi alle 18?

Ci siamo immaginati vicini di casa Dante in occasione del 25 marzo, e ascoltare di viva voce quell’incipit famoso in tutto il mondo.

Abbiamo dedicato un omaggio, al Sommo poeta e agli altri protagonisti della poesia italiana, disseminando i balconi del vicinato di volti e ritratti degli autori che ogni giorno ispirano la creazione delle nostre storie e giochi in questo marzo dedicato alla Poesia con la giornata del 27.

Abbiamo chiuso gli occhi per qualche istante e ci siamo lasciati cullare dai versi che fin da piccoli abbiamo imparato ad amare, costretti dai compiti a ripetere a memoria, ad alta voce e davanti ad uno specchio, di quella siepe quasi teatrale de L’infinito di Leopardi, delle coste di Zante nei pensieri di Foscolo o di quel roboante “Ei fu” dello scrittore del ramo del lago di Como.

Li abbiamo accolti nei nostri studi, sognati di notte per lungo tempo e poi dimenticati.

In momenti come questi, di grande crisi dell’ identità collettiva abbiamo sentito il bisogno di ritrovare le origini del nostro pensiero e la radice culturale della nostra eredità da cantastorie.

Seguite gli hashtag #PINgiovani e la pagina Instagram e Facebook di Fleet Save Games: andiamo sui balconi insieme.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

La Comunitá #PINgiovani di @fleetsave.games , con il benestare dello @staffpingiovani , è lieta di presentarvi il primo flash mob sui balconi di Instagram organizzato dai poeti e dedicato ai sognatori! La prima celebrità la conosciamo tutti! È Sommo e scrive divinamente. Con il dialetto toscano ci ha uniti sotto un’unica lingua. La sua cultura ed eredità han dissipato i mostri dell’ignoranza. Lo celebriamo oggi con il #Dantedì promosso dal @mibact Di lui ci piace ricordare il verso: “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!” Un grande applauso dunque per l’immortale Dante Alighieri.

Un post condiviso da Fleet Save (@fleetsave.games) in data:

***

In visita da… Fleet Save: come raccontare i territori e la loro cultura attraverso il gioco

06 settembre 2019 ore 14:13

Riprende la rubrica “In visita da…”: il viaggio dello Staff di PIN tra le tantissime realtà attivate attraverso il bando a sportello della Regione Puglia non si ferma mai!

Dopo la pausa estiva ecco un breve riepilogo delle realtà che abbiamo esplorato in poco più di una anno, : le ceramiche innovative di Mesolab, la mobilità sostenibile di Sagelio, la vocazione di Ciurma libreria indipendente per bambini, il Centro Multiculturale Crocevia, i manufatti editoriali di ZicZic, le proposte di turismo esperienziale di Puglia Taste & Culture, il laboratorio di pasta fresca e artigianale Eden Store, le mappe tattili realizzate da MapAbile e, il Coworking space Co-Labory e il connubio mare, psicologia e fotografia di ColMare, l’ecofriendly wear firmato Bloodylicious e, subito dopo l’estate, le fragranze identificative del Gargano del brand AquaPulia,il visual storytelling esperienziale di ImaginApulia, il turismo delle radici di  Raiz Italiana, il Building Management di INGegno-Lab, il laboratorio culturale partecipato OCC – Officine Culturali quartiere Carrassi e l’officina sociale per il recupero e il restauro di barche a vela in legno Maremosso, lo spazio dedicato alla fotografia e all’illustrazione Lo.ft, la protesi di mano in stampa 3D Adam’s Hand ,il laboratorio di serigrafia naturale Ammostro,il festival teatrale a basso impatto ambientale in luoghi segreti Ultimi Fuochi Festival, il centro multietnico Casa Mandela, la piattaforma che mette in contatto spazi e idee Pop Uppens,lo spazio di coworking per giovani professionisti e realtà innovative dal nome Sophia, la cucina partecipata, food storytelling con narrazione del territorio  Cozinha Nomade, il bistrò con portierato di quartiere Caffè Portineria , l’accademia delle arti di strada per l’inclusione sociale ADAS, lo studio di hand poke tattoo Freak Ink,lo specchio intelligente che rileva parametri vitali MiracleApulia Center for Art & Technology spaziando tra arte e tecnologia, SHISKI, il concept space di design che valorizza il territorio attraverso i talenti ospitati fino a fermarci, temporaneamente, nel Salento con Baby Likes Travelil servizio di noleggio di attrezzature per bambini “a cui piace viaggiare”.

Ed ecco una ripresa soft e divertente per questo viaggio infinito tra le giovani realtà pugliesi: oggi infatti vi portiamo al Museo Civico di Bari a scoprire “Il Collezionista”: un prodotto made in Fleet Save, la “ciurma di sognatori” che racconta le città e la cultura del territorio attraverso il gioco.

Avete mai pensato di giocare all’interno di un museo in città? Aldo, Andrea, Anna, Giacomo e Arturo hanno trasformato questo sogno in realtà partendo dal racconto della città di Bari e della sua cultura attraverso il gioco e le storie. Così la “ciurma di sognatori”, come amano definirsi, ha l’obiettivo di costruire delle storie per gli attrattori culturali del territorio, queste storie vengono raccolte in una piattaforma web che, a sua volta, comprenderà una community di turisti-giocatori che si sono cimentati con le esperienze targate Fleet Save nei musei e siti culturali dei luoghi visitati. Classifiche, premi, nuove opportunità… è tutto spiegato (meglio) dai protagonisti!

E per il futuro? Far parte di un grande network di musei e contenitori culturali internazionale è il primo grande progetto. I dettagli e soprattutto i contatti per monitorare la loro crescita nel mondo del gaming sono tutti nel filmato.

Il viaggio dello Staff alla scoperta della Comunità PINda oggi non si ferma più: seguite @staffpingiovani su Instagram per scoprire le prossime tappe, spiare nel backstage e spoilerare i protagonisti!

***