Blog

Stai visualizzando: tutti i post sull'argomento "Racconto"

Ciurma ad Imaginaria Festival: il racconto delle protagoniste

03 settembre 2018 ore 11:22

Arriva settembre con la ripresa ufficiale delle attività, ma non per tutti: come dimostra questo racconto, la Comunità PIN è stata attiva tutta l’estate tra eventi, iniziative e partecipazioni a kermesse.

È questo il caso di Ciurma, la libreria indipendente per bambini nata nel cuore di Taranto che ha partecipato attivamente alla ventiseiesima edizione di Imaginaria, il festival internazionale del cinema d’animazione svoltosi a Conversano, in provincia di Bari) dal 20 al 25 agosto. Lasciamo la parola a Roberta e Francesca per saperne di più!

Immaginate un paese che per 5 giorni si anima, che ospita autori nazionali ed internazionali del cinema d’animazione.

No, non lo immaginate! A Conversano accade per davvero e da molto tempo: Imaginaria Festival è arrivata alla XVI edizione. Noi come Ciurma Libreria per bambini abbiamo avuto l’onore e la possibilità di assistere a tutto ciò. Grazie ad Imaginaria e Imaginaria Kids, abbiamo trascorso cinque giorni incredibili. In questi giorni abbiamo realizzato due letture con attività laboratoriali entrambe sold out, mentre nei giorni successivi ci siamo immerse a pieno nell’atmosfera del festival, tra mostre, cortometraggi, scambi di opinioni con organizzatori, volontari, illustratori e altre libraie stringendo future collaborazioni. Da quest’anno Imaginaria ha una rassegna di cortometraggi dedicata ai più piccoli, “Imaginaria Kids”, e una giuria “kids” che ha poi premiato il miglior cortometraggio!

I bimbi e le bimbe come sempre danno grandi soddisfazioni e ci fanno capire quanto sia importante continuare a spingere su questa strada! Ci siamo sentite a casa questo grazie a Luigi Iovane ideatore ed organizzatore di Imaginaria e grazie a tutto lo staff (Semi di carta, Dominga, Stefano, le volontarie/i e Rosanna che ci ha accolto nel suo fantastico b&b).

Buon vento Imaginaria, ci rivediamo l’anno prossimo!

***

Welcome WondeRadio: il “Wonderdocumentario” dei protagonisti

26 luglio 2018 ore 11:22

Riceviamo e condividiamo con piacere il video-racconto, anzi il “Wonderdocumentario” realizzato dai ragazzi di WondeRadio la web radio di Terlizzi (BA) gestita da non vedenti, ipovedenti e normovedenti.

Annalisa, Gianpaolo e Serena, infatti, hanno realizzato un questo filmato per spiegare l’iniziativa ai più e condividere ambizioni ed obiettivi. In attesa che parta la programmazione delle attività, vi lasciamo con questo bel video e un appello a tutta la Comunità PIN: inviateci i vostri racconti, le vostre foto e i vostri video delle vostre storie più straordinarie e noi li pubblicheremo progressivamente su questo blog.

La parola ai protagonisti… buona visione!

Welcome WondeRadio!

Abbiamo creato WondeRadio per utilizzare la web radio come strumento e spazio quotidiano di inclusione sociale e aggregazione. Grazie alle nuove tecnologie la radio come mezzo di comunicazione si è molto evoluta. Attraverso una rete internet mediamente stabile è possibile trasmettere da ogni angolo del mondo, e non solo, grazie ad ausili hardware e software a disposizione delle persone cieche il web è ogni giorno un po’ più accessibile. Macluhan, il grande sociologo canadese, sosteneva che ogni mezzo di comunicazione amplifica le potenzialità fisiche, intellettuali, sensoriali e cognitive dell’individuo sino a renderlo capace di modificare la struttura della società, WondeRadio ha preso alla lettera la filosofia e gli studi del sociologo, ed è proprio ciò che ci proponiamo di fare, utilizzare la web radio come strumento per sostenere i diritti all’accessibilità sociale e culturale dei non vedenti e ipovedenti.
Crediamo sia fondamentale creare uno spazio dove coltivare l’etica della valorizzazione delle competenze di ciascuno, crediamo che questo sia il modo più efficace per raggiungere l’inclusione e la vera integrazione tra cittadini. Ci interessa moltissimo ribaltare la logica della disabilità come handicap per sostenere che la disabilità è una risorsa preziosa da cui imparare e crescere insieme ed in questo la tecnologia ci è di grandissimo aiuto.
Wonderadio è uno spazio fisico e quotidiano dove praticare l’inclusione sociale, la valorizzazione delle competenze di ognuno e la socializzazione tra giovani e disabili visivi. Wonderadio siamo noi, con le nostre esperienze, le nostre passioni e le nostre storie di vita. Vogliamo che la nostra sede diventi il posto dove incontrare, raccontare e divulgare i progetti di vita delle persone cieche, ipovedenti e normovedenti.

***

Genesis Start-up: tanti PIN per l’evento di Co-Labory

19 luglio 2018 ore 15:37

Durante la nona puntata di “In visita da…” pubblicata la settimana scorsa, abbiamo abbiamo avuto l’occasione di conoscere meglio i ragazzi di Co-Labory, il coworking space per la formazione non formale a Trani . Oggi, con immenso entusiasmo, condividiamo con tutti voi uno dei loro eventi più attesi organizzato secondo la mission che gli stessi Fabiola e Savino raccontavano a tutti voi: #farerete con altri progetti attivati attraverso PIN!

Domenica 29 luglio è infatti in programma “Genesis Start-up“, un appuntamento che coinvolge più di venti realtà della Comunità PIN interamente organizzato con le forze degli stessi protagonisti! Non vogliamo svelarvi altro: scopriamolo insieme dalla penna degli organizzatori. Noi ci saremo… e voi?

Ed in un baleno siamo arrivati al momento più atteso dell’anno per Co-labory… Finalmente dopo mesi di duro lavoro e un’ intensa campagna di networking, siamo pronti per lanciare “Genesis start-up”, un evento pensato per dare a tutti i giovani pugliesi come noi, un’opportunità e una vetrina per le loro start-up, e soprattutto per conoscerci finalmente dal vivo!
Prima di chiudere per ferie volevamo realizzare un momento di festa, scambio e condivisione con tutti gli amici PIN e cercavamo una location che potesse trasferire il nostro spazio di coworking e il concetto in esso racchiuso, all’esterno.. quale location migliore, se non il Lungomare C. Colombo di Trani a farci da sfondo?
L’evento si terrà domenica 29 luglio, saremo circa 20 realtà desiderose di interagire con il territorio e raccontare i nostri passi iniziali e i nostri progetti futuri… La giornata sarà ricca di workshop e laboratori interattivi grazie alla collaborazione dei protagonisti: ALLA GIORNATA, APULIA BIKE ROUTE, con” Trani Bike tour”, ASSOCIAZIONE ARCHITAURI, con il suo “Tavolo ombrello”, CONTROCORRENTE SOS, con i “I drink diversi” E.D.e.N. STORE, FLICK LAB SRL con “Il castello delle parole”, GEP, HooPlug ® by OMI Project srls., ImaginApulia, CO-LABORY , INGEGNO-LAB SRLS con i “BONUS IN EDILIZIA”, Officina Maremosso, MEST s.r.l.s., PIN BIKE con “Check, si Gira”, That’s Apulia, TrackAbility, Viporto, Vivero, Bordemind e WondeRadio che trasmetterà l’evento in diretta Radio!!
Alle 19:00 ascolteremo tre testimonianze di start-up pugliesi di successo grazie all’intervento di Massimo Papale e Antonio Giusto, CEO e collaboratore di FLUIDIA, Domenico Colucci, Founder di Nextome, e Filippo Clemente, Founder di Pecore Attive, con la partecipazione dello staff PIN e Arti Puglia.
Per noi questa sarà una grande occasione per conoscerci e sostenerci nell’ottica di collaborazioni future, perché per noi questo è solo l’inizio!!!
L’invito è esteso a tutta la Comunità PIN!! Vi aspettiamo

Fabiola e Savino

***

Tra fili e nodi – Annodiamo la nostra storia con Trama

18 luglio 2018 ore 11:11

Non solo racconti, ma anche video che raccontano le storie della Comunità PIN!

Questa volta a mostrarci letteralmente le loro attività progettuali sono Federica e Serena di Trama – Mani che raccontano, il laboratorio che rivaluta e promuove le tecniche di tessitura a mano con svariate iniziative nel cuore del Salento. Le abbiamo conosciute durante l’Ethical Fashion Show Berlin, oggi scopriamo il loro mondo e le le loro artiste attraverso i loro occhi e le loro creazioni.

La parola alle protagoniste!

Finalmente on line il corto-documentario frutto della nostra ricerca sul campo. “Tra fili e nodi – Annodiamo la nostra storia”, un racconto sulla tessitura tradizionale nel Salento, fatto dalla sue protagoniste.Ne viene fuori il ritratto di un mondo ormai molto distante dal nostro, la cui immagine sta svanendo, e con essa parte della nostra identità.
Per noi è stato emozionante ascoltarlo, e crediamo sia fondamentale che soprattutto le nuove generazioni custodiscano l’enorme bagaglio di conoscenza che ci viene dal passato.

Anche voi avete voglia di condividere le vostre straordinarie attività? Inviateci i vostri materiali e noi li pubblicheremo con piacere su questo blog!

***

Argomenti